Attestazione di conformità

Il Valore di una Dichiarazione

La Certificazione

La certificazione è un atto documentato attraverso il quale un ente terzo attesta che un prodotto (o un servizio, un rapporto di analisi, una professionalità, un sistema di misura o un campione di riferimento, o il sistema di gestione di un’azienda), è conforme ad una normativa di riferimento.

Affinché a tale atto di certificazione sia riconosciuto un valore sui mercati nazionali e internazionali è necessario che esso sia emesso in un ambito accreditato.
Di fatti, non si può parlare di certificazione senza comprendere la sua dimensione internazionale all’interno dell’ACCREDITAMENTO che, a sua volta, è una «Attestazione da parte di un organismo nazionale di accreditamento che certifica che un determinato organismo di valutazione della conformità soddisfa i criteri stabiliti da norme armonizzate e, ove appropriato, ogni altro requisito supplementare, compresi quelli definiti nei rilevanti programmi settoriali, per svolgere una specifica attività di valutazione della conformità» (vedi REG (CE) N. 765/2008).

Così come la certificazione di un prodotto ne attesta la sua rispondenza a un disciplinare o ad una norma tecnica di riferimento, l'accreditamento attesta il livello di qualità del lavoro di un Organismo (di certificazione e di ispezione) o di un Laboratorio (di prova e di taratura), verificando la conformità del suo sistema di gestione e delle sue competenze alle prescrizioni legislative e a requisiti normativi internazionalmente riconosciuti.

Un Organismo di Certificazione accreditato garantisce:

Imparzialità: ovvero la rappresentanza equilibrata al suo interno di tutte le Parti interessate, affinché un singolo interesse non abbia mai il sopravvento sul volere comune;

Indipendenza: ovvero l’applicazione di processi e l’impiego di personale e comitati preposti al rilascio della certificazione che assicurino l'assenza di conflitti di interesse con l'organizzazione da certificare;

Correttezza: ovvero il divieto di prestare consulenze, sia direttamente che attraverso società collegate, nonchè l’assenza di autovalutazione nello svolgimento delle attività di certificazione;

Competenza: ovvero l’affidamento delle attività di verifica e valutazione a personale che sia culturalmente, tecnicamente e professionalmente qualificato.

Gli Enti di accreditamento (quali, in Italia, Accredia) membri di EA (European Accreditation) sono a loro volta firmatari di Accordi di Mutuo Riconoscimento (MLA: Multilateral Agreement). Tali accordi stabiliscono uno specifico e accurato processo di “valutazione fra pari” tra gli Enti di accreditamento membri di EA, finalizzato alla verifica di conformità alle regole stabilite per il mutuo riconoscimento degli accreditamenti e, conseguentemente, delle relative certificazioni rilasciate dagli organismi di certificazione in ogni stato membro di EA.

La conformità degli enti di accreditamento firmatari, così come quella degli organismi accreditati, garantisce quindi l’equivalenza e l’affidabilità delle certificazioni, delle ispezioni accreditate, dei rapporti di prova (analisi) e dei certificati di taratura in tutta l’Europa.

Il mutuo riconoscimento elimina la necessità di certificare prodotti o servizi in ogni paese in cui sono venduti, agendo come un «passaporto per il commercio».

Questo sito usa cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di mostrare contenuti in linea con le preferenze da te manifestate durante la navigazione e che potrebbero risultare di tuo interesse. Se vuoi saperne di più, o modificare le impostazioni sui cookie (fino ad escluderne eventualmente l’installazione), premi qui. Chiudendo il banner, proseguendo la navigazione o selezionando un elemento del sito acconsenti all’uso dei cookie.